Chi siamo e foto degli associati con cartello

 

Nella primavera del 2011 è nato il comitato di cittadini LIBERI DAI VELENI
Il comitato è formato da persone di tutte le età, di tutte le culture e di tutte le origini politiche che vivono sempre o gran parte dell’anno nel territorio della Valle d’Itria tra i comuni di Cisternino, Ceglie Messapica, Ostuni, Locorotondo e Martina Franca.
Il comitato si prefigge di sensibilizzare l’opinione pubblica e gli amministratori locali che l’uso dei diserbanti in agricoltura è un pericolo enorme . E’ dimostrata l’estrema tossicità e pericolosità di questi prodotti, in primo luogo su chi li usa, (spesso in modo indiscriminato, fuori da qualsiasi controllo), conseguentemente sulla catena alimentare, sulla flora e sulla fauna.
La tecnologia e l’esperienza forniscono ormai altri mezzi per mantenere i campi, coltivare in modo biologico, sostenibile e davvero pulito.
E’ necessario allargare la visuale e considerare anche l’aspetto turistico dei nostri territori così apprezzati proprio per la loro particolare bellezza, che deriva da tradizioni antiche e grande rispetto dell’ambiente.
Un territorio che ha attraversato i secoli senza essere avvelenato.
Riflettiamo su quanto sia scandaloso mantenere un territorio “bruciato”, sempre più distrutto dai fitofarmaci, imposti dalle multinazionali.
E’ ora di riunire le forze, di fare del nostro meglio per avere un futuro più sano.
Il Comitato è aperto a qualsiasi persona sensibile a questi problemi e che possa contribuire con la propria presenza ed esperienza.
Il comitato vuole come prima azione rivolgersi e chiedere alle amministrazioni comunali, giunte e consiglieri, e ai prossimi candidati dei Comuni della Valle d’Itria, di prendere una posizione chiara su questi temi e che attivino normative per il rispetto del diritto di vivere liberi dai veleni. con campagne informative e tutte quelle iniziative volte a fare del nostro territorio un ambiente sempre più naturale, incontaminato e bello.
Vorremmo poter dire un giorno al mondo che nei nostri comuni, primi in Italia, sono bandite tutte le sostanze tossiche usate in agricoltura, che siamo all’avanguardia nei sistemi biologici e alternativi e che tutti possono venire
a farci visita per vedere come si fa.